thelonious-monk-five-by-monk-by-five 5895360La scorsa settimana sono andato in un negozio di dischi a Milano, VinylBrookers, in una traversa di viale Monza, abbastanza lontano dal centro. Si arriva in metropolitana, quando si esce sembra di essere a Coventry o a Exeter o magari è solo la mia immaginazione mista all'eccitazione di andar per dischi. Ci ho passato più di un'ora, ho scartabellato tra titoli di jazz, rock, nei mix anni '80 (che averci spazio in casa li avrei comprati tutti). Tra gli altri acquisti, di cui tacerò per motivi fiscali, c'è 'Five Monk By Five' di Thelonious Monk, prima stampa stereo (Riverside RLP 1150). Per i non adepti al linguaggio arcano del collezionismo, vuol dire che è proprio il disco uscito dalla fabbrica nell'anno di pubblicazione, il 1959. Si riconosce dalla qualità della carta della copertina, dal peso del vinile, dall'etichetta che generalmente cambia col succedersi delle stampe (permettendo una datazione sufficientemente esatta). Questa in particolare ha la label blu (con un cerchio rigato all'interno che in gergo si chiama deep groove, ma qui siamo già nel disagio, lo so) e una striscia gialla sulla foto che nella versione mono (etichetta nera) è assente. Io ho anche la versione monofonica (Riverside RLP 12-305). Per qualunque individuo, ma anche per molti appassionati di musica, persone che seguono gruppi e artisti comprandone religiosamente i dischi da anni, il mio è un comportamento incomprensibile, al limite della follia. Una delle obiezioni più comuni è: "ma perché compri due dischi uguali, non puoi spendere quei soldi per comparti un ALTRO disco?". E sto parlando di un'obiezione che potremmo definire comprensiva, alle quali vanno aggiunte quelle per così dire lapidarie: "ma non te lo potevi scaricare?". Sempre per rimanere all'interno di individui che in qualche modo condividono l'interesse per il contenuto dell'oggetto, la musica cioè.

Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)
PIERS FACCINI & VINCENT SEGAL – Songs of time lost

Interessante questa  collaborazione tra Piers Faccini e il violoncellista Vincent Ségal, per una selezione di brani che ci toccano da vicino, vista la presenza di ben cinque (!) canzoni della tradizione napoletana (includendo anche Pino Daniele nella categoria) assieme ad altre cover e brani originali. Ecco l’elenco delle canzoni nostrane: ‘Jesce Sole’, ‘Cicerenella’ e ‘Villanella di Cenerentola’ che molti ricorderanno nelle versioni della Nuova Compagnia di Canto Popolare; ‘Cammina, Cammina’, un originale dal primo disco di Pino Daniele e, infine, un super classico come ‘Dicitencello Vuje’.  La dedizione alla lingua materna di Faccini continua, dunque,  dopo il brano in italiano compreso nel recente ‘Between Dog And Wolves’, ma il cantautore francese sembra qui  ancor più sicuro nell’affrontare il dialetto napoletano.  Tra gli altri brani, una bella versione di ‘Quicksilver Daydreams Of Maria’, da Townes Van Zandt e una struggente versione strumentale di una canzone di Marlene Dietrich, dove comanda il violoncello di Ségal. (Fausto Meirana)

Valutazione Autore
 
65
Valutazione Utenti
 
0 (0)
ALLAH-LAS - Worship The Sun

Il rock in maschera. Dischi come questo sono sincere recite, artefatti spesso impeccabili che delegano in toto il proprio fascino a musiche andate. Nello specifico: il pop californiano degli anni 60, dei tardi anni 60, per essere precisi. L’omonimo esordio (2012) era una rilettura del suono Nuggets, riuscita e melodica. Qui, con incedere cronologico impeccabile, l’attenzione si sposta verso contaminazioni diverse (il folk, la psichedelia) mantenendo il contesto sostanzialmente invariato. Il disco è gradevole, nel senso migliore del termine, ma persa la freschezza dell’esordio l’impatto è più atteso e, dunque, meno efficace. Gli Allah-Las sono commessi di un negozio di dischi (Amoeba, a LA) e si sente: hanno ascoltato molto, evidentemente. E ora fanno. Bene, per carità. Ma c’è derivativo e derivativo; qui, più che altrove, siamo in ambito derivativo. (Marco Sideri)

Valutazione Autore
 
95
Valutazione Utenti
 
0 (0)
VASHTI BUNYAN - Heartleap

Per la Signora Fatata del folk inglese Vashti Bunyan valgono solo gli ossimori: una durissima dolcezza messa in musica, un'uranica telluricità, un'onirica concretezza che lascia attoniti ad ogni ascolto. Come ascoltare la sorellina maga di Sandy Denny diventata, nella voce,  puro spirito delle nebbie e delle acque, ma solo dopo aver cresciuto in santa pace i propri figli. Perché la storia ci racconta che in quarantaquattro anni, dei sessantanove della sua vita, Vashti Bunyan ha pubblicato tre dischi soli. Altro paradosso perfettamente logico, da rubare a Thelonious Monk, stavolta: il meno è il più. Heartleap, racconta lei, sarà la sua ultima testimonianza in studio. E' giusto così, gli incanti non devono essere a cascata. Voci (anche quella di Devendra Banhart, per capirsi), qualche tocco di pianoforte, gentili pennellate d'archi, una mbira che sembra sbucare dal nulla, arpeggi in bilico quasi sul nulla. Vashti ci lascia con un sospiro affollettato che dura trentaquattro minuti e poco più. Quanto durano gli incantesimi? (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
20
Valutazione Utenti
 
85 (1)
PAOLO CONTE - Snob

Probabilmente tra vent’anni rivaluteremo anche queste opere tardive dell’avvocato di Asti. Per adesso, visto che scriviamo al presente, il rischio è che ascoltare dischi come ‘Snob’ finiscano per ridimensionare anche gli album precedenti. E non parliamo solo di ‘Nelson’, à se bastante per screditarsi, ma anche del periodo CGD, quello di mezzo, che pure tanti bei dischi ci ha dato (gli ellepi RCA non si discutono). Al di là delle facili provocazioni sarebbe bastato evitare l’apertura di “Si Sposa l’Africa” con tanto di Kunta Kinte nel ritornello, la “Donna dal Profumo di caffè” con i consueti borbottii e “Argentina”, incisa sotto altro nome almeno già tre volte e le cose avrebbero già preso un’altra piega. O forse ha ragione lui e allora va bene la bossa-nova di ‘Tropical’ con le sue rime estenuanti e il profumo di Genova in ‘Maracas’ con tanto di scignua de Zena. O forse, semplicemente, la nostalgia d’antan ha perso il suo fascino e Conte con lei. (Danilo Di Termini)

Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
MIREL WAGNER - When The Cellar Children See The Light Of Day

Il sangue non è acqua, o almeno così si dice. E il sangue può essere un buon punto di partenza per raccontare (presentare) Mirel Wagner e la sua musica. Originaria dell’Etiopia ma cresciuta in Finlandia Mirel porta qui i segni del vecchio blues africano, sposati a un’attenzione sonica di marca nordica. Unisce istinto e cura per l’atmosfera, pancia e precisione. Il disco, secondo per MW, primo per Sub Pop, è un crudo esercizio di scrittura. La voce e una chitarra, percossa più che suonata, sono gli unici ingredienti (se si eccettua qualche raro ribollimento elettrico) e le canzoni mostrano una maturità (compositivo) e una personalità (melodica) di prima grandezza. È ascoltando dischi così che ci si rimangerebbe volentieri lodi eccessive a penne inferiori (ma tanto è sempre troppo tardi). E allora tanto vale lodare Mirel, qui e ora, e festa finita. (Marco Sideri)

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
PRIMUS & THE CHOCOLATE FACTORY - With The Fungi Ensemble

È dal 1995 che Tim Alexander non sedeva dietro alla batteria per registrare un album completo con i Primus. Solo per questo motivo, la nuova fatica dei Primus & the Chocolate Factory with the Fungi Ensemble è da ascoltare. Il titolo dice tutto: è una rielaborazione completa della colonna sonora del film Willy Wonka & the Chocolate Factory del 1971. I Primus, che hanno suonato sempre in trio, sono ora affiancati dal Fungi Ensemble, ovvero Mike Dillon alla marimba e alle percussioni, e Sam Bass al violoncello. Questo è un retaggio delle sperimentazioni nell'ambito delle "Jam Bands" da parte di Les Claypool, iniziata anni fa durante lo iato decennale in cui fece precipitare il trio da lui creato. Nel pieno stile del trio Californiano, ci troviamo davanti ad un disco scuro, volutamente spettrale, ironico e asciutto. L'arrangiamento è scarno, quasi atonale. L'armonia è appena accennata dalla chitarra dell'ottimo (e troppo spesso sottovalutato) Larry Lalonde. La base ritmica è semplice ma incalzante.

Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
J MASCIS -  Tied To A Star

J Mascis, è quello che si definisce un artista eclettico. Compositore, cantante, chitarrista e batterista, è stato il front man dei Dinosaur Jr, una della band più influenti della scena indie americana. Tra separazioni ufficiali e voci (nulla più che “rumors”) di possibili riunioni, il futuro del gruppo appare sospeso in un’aura d’incertezza. J Mascis, invece, non si presta a interpretazioni ambigue. Il suo ultimo albun Tied to a Star è una delicata ed efficacissima sferzata di talento. La voce dell’artista americano è sempre più in linea con l’intimismo e la verve immaginifica delle sue ultime composizioni. Impostazione prevalentemente acustica, lievi impennate elettriche, l’album trova in Every Morning, Heal the Star (davvero sublime) e il brano d’apertura Me Again i momenti più significativi, quelli in cui la delicata forza espressiva dell’album emerge con chiarezza. Da segnalare anche Wide Awake, che prevede un piccolo, prezioso contributo vocale di Miss Chan Marshall, alias  Cat Power. (Ida Tiberio)

Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
SHELLAC - Dude Incredible

Semplici, sono semplici gli Shellac di Steve Albini (e Bob Weston e Tod Trainer). Non perché sia particolarmente semplice la loro musica, o la loro storia, o ancora i loro riferimenti. Gli Shellac sono semplici perché semplice è la loro strada o, per i più romantici, la loro missione. Sono un trio (basso, chitarra, batteria, e pedalare), fanno rock, quando possono e dove possono, pubblicando senza tante cerimonie dischi con cadenza irregolare, mai meno che buoni, sempre fedeli a un’estetica rigorosa: incidere (bene) canzoni (belle e squadrate). Dude… parte bene con una copertina meravigliosa (due animali lottano) e prosegue meglio con brevi canzoni nervose che, rispetto alle prove precedenti, recuperano ombre blues (title-track) e folk (All The Surveyors) accanto all’usuale impianto rock fieramente indipendente e matematicamente squadrato. Semplicemente, bravi. (Marco Sideri)

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
100
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
95
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
89
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
10.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)