Stampa
 
I nostri preferiti Rock SHAWN PHILLIPS - Second Contribution (A&M 1971)
 

SHAWN PHILLIPS - Second Contribution (A&M 1971) Hot

ImageFine anni ’60: Leonard Cohen va a Hydra con chitarra e macchina da scrivere, Pink Floyd e Soft Machine si fanno spesso vedere a Ibiza e i King Crimson immortalano il fascino di una scura “Formentera Lady”. Per non parlare dei Rolling Stones che a Tangeri sono quasi di casa. Il rock si scalda al sole del Mediterraneo e qualche rocker arriva anche in Italia. Fra questi il texano giramondo Shawn Phillips, collaboratore (non accreditato) di Donovan e cantante dall’estensione vocale con pochi uguali (una sorta di Tim Buckley barocco). E’ bello pensare che il suo lavoro più caldo e affascinante, “Second Contribution”, abbia goduto dell’influsso benefico di Positano e di una costiera amalfitana non ancora invasa da automobili ed ecomostri. A più di trent’anni di distanza resta sorprendente la fluida eleganza di tutta la prima parte del lavoro: partenza orchestrale con “She Was Waiting For Her Mother…”, ritmo che risale sino alla frenetica “Sleepwalker” e ritorno alla solennità con “Ballad of Casey Deiss”, elogio della vita “alternativa” ed elegia per un amico scomparso.
Venti minuti che fondono alla perfezione la scrittura ampia e americana di Phillips, le scure partiture orchestrali di Paul Buckmaster e interventi strumentali che oscillano tra progressive e funk. Più frammentaria la seconda parte dove spiccano un classico titolo hippie come “Song For Sagittarians” e la ballata acustica “Steel Eyes”, con le sue lunghe e strane pause fra una strofa e l’altra. L’album è oggi reperibile in cd accoppiato a “Contribution”. Chi scrive si tiene però ben stretta la sua copia in vinile, primo lp mai comprato in una bottega dei sogni chiamata Disco Club. (Antonio Vivaldi)

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
Powered by JReviews