Stampa
PDF
 
Jazz Recensioni CLAUDIO COJANIZ/FRANCO FERUGLIO - Blue Africa
 

CLAUDIO COJANIZ/FRANCO FERUGLIO - Blue Africa CLAUDIO COJANIZ/FRANCO FERUGLIO - Blue Africa Hot

CLAUDIO COJANIZ/FRANCO FERUGLIO - Blue Africa

Dettagli

Titolo
Blue Africa
Anno
Casa discografica

Questo prezioso “Blue Africa” del talentuoso pianista friulano Claudio Cojaniz in collaborazione con l’ottimo contrabbassista Franco Feruglio, spesso e volentieri impegnato anche all’archetto, in questo modo sospeso (solo figuratamente, si intende) tra uno Slam Stewart e un Johnny Dyani, è uscito già da qualche mese, ma non è mai troppo tardi per parlare di buona musica. I detrattori di Cojaniz sosterranno che il suo modo di suonare non aggiunge molto a quella sottile (ma non troppo) linea estetica che congiunge il “geometrico” pianismo di Thelonious Monk a quello danzante del sudafricano Abdullah Ibrahim. E’ vero, Cojaniz si muove spesso e volentieri da quelle parti, soprattutto in questo lavoro (peraltro caratterizzato quasi interamente da eccellente musica originale), ma con un gusto, una sensibilità, una cultura musicale, e un’ispirata determinazione, che lasciano davvero il segno. Senza contare la sua personale vena compositiva, che sembra scorrere fluida e cristallina come le limpide acque di un torrente di montagna. E poi, sono davvero pochi i pianisti in circolazione capaci di far rivivere con questa classe, briosa consapevolezza, aggiunta ad un estremo rispetto, lo spirito dell’indimenticato “monaco”, che spesso viene reinterpretato o citato in modo più cerebrale, a partire (com’è ovviamente giusto) dalle sue profonde innovazioni musicali, ma con il rischio di perdere un po’ troppo di vista la sua giocosa e imprevedibile istrionicità. Anche alla luce di questa considerazione, crediamo che “Blue Africa”  sia un disco per tutti (almeno lo speriamo), non solo per gli appassionati o conoscitori di jazz; un lavoro che può davvero avvicinare alle note afroamericane un più ampio numero di persone, tale l’andamento piacevole e rasserenante, con cui la sua saltellante musica si diffonde nello spazio. Un album che al contempo non perde in un solo istante del suo percorso la dovuta profondità, il proprio ancoraggio, esattamente come il baobab raffigurato in copertina, ad una storia e ad una cultura musicale che vive ed è vissuta sull’incontro con l’Africa. Un progetto, infine, che testimonia della qualità del jazz italiano, o di una sua parte, che nel più assoluto anonimato, o quasi, e con la dovuta discrezione, è in grado di realizzare piccoli capolavori come questo. (Marco Maiocco)

opinioni autore

 
CLAUDIO COJANIZ/FRANCO FERUGLIO - Blue Africa 2013-09-26 19:31:51 Marco Maiocco
Giudizio complessivo 
 
80
Marco Maiocco Opinione inserita da Marco Maiocco    26 Settembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
Powered by JReviews

Top ten del mese

Nessun risultato trovato