Stampa
PDF
 
I nostri preferiti Rock BEN FOLDS FIVE - Ben Folds Five (Caroline 1996)
 

BEN FOLDS FIVE - Ben Folds Five (Caroline 1996) Hot

ImageIntanto erano tre (Three) e si chiamavano “Cinque” (Five). Pianoforte, basso e batteria, per una delle proposte pop (in senso lato) più originali del decennio appena trascorso. Poi erano dei nerd, secchioni diremmo noi, cantavano le afflizioni qualunque di chi (sul serio o per gioco) non riesce a integrarsi, a rientrare nelle categorie del vincente e del realizzato. “Mai stato fico / a scuola” è il primo verso del singolo Underground. Eppure la musica dei Ben Folds Five, come l’opera di altri magnifici perdenti (i film di Woody Allen, i personaggi di Nick Hornby) è riuscita a lasciare un segno profondo in quanti l’hanno incrociata. Musica semplice, per via della formazione ridotta all’osso e della scrittura immediata; canzoni che, piccola e banale rivoluzione, facevano a meno della chitarra, primadonna del rock indipendente e non. Dentro a questo omonimo esordio (seguiranno due album prima che il leader Ben Folds imbocchi la strada solista) trovate polke improvvisate, ballate romantiche, rumorose esplosioni; tutto filtrato dalla penna ironica e pungente di Ben. È un disco che si ascolta e si riascolta, sempre a cuor leggero, finché non diventa una presenza costante, intima e lieve come un’amicizia.

Quello che, a distanza di un decennio, prova senza mezzi termini la grandezza umile di questo disco è il fatto di essere, pur in mezzo all’oceano di esordienti e novità cui è abituato il mercato musicale, ancora senza imitatori o repliche. Il suo suono e il suo passo sono una cifra personale ed esclusiva che incontrate solo e solamente nelle pieghe di “Ben Folds Five” (e dei suoi fratelli minori). Da nessuna altra parte. (Marco Sideri)

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
Powered by JReviews

Login