Jazz

Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)

Si susseguono a cadenza annuale le uscite discografiche sui “live”del formidabile E.S.T. guidato dal pianista Esbjörn Svensson, scomparso tragicamente undici anni fa in un’immersione. Qualcuno potrà interpretare il tutto come mera speculazione, ma sta di fatto che la musica del trio attraversò tali e tante fasi di palpitante creatività, approdando alla fine a una sorta di riuscita costruzione sonora tra jazz e art rock, su tutto l’ombra lunga dei Radiohead,  che pubblicazioni come questa riescono a compensare, almeno in parte, l’assenza. Qui siamo nell’ottobre del 2001, ancora lontane le avventure con l’elettronica, e l’interplay tra il leader, assai evansiano nel tocco fluido e perfetto, Dan Berglund al basso e Magnus Öström alla batteria è stupefacente. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)

Doppio cd, ed è già una bella prova di coraggio. Ma non è che conti la somma dei minuti, per queste diciotto tracce equamente ripartite in due dischetti. Conta il fatto che Aldo Mella, uno dei migliori (e meno ricordati) bassisti compositori italiani, attivo da decenni – Area 2, Flavio Boltro, l’indimenticabile Mella – Allione Quartet, Franco D’Andrea -  è un musicista che non ha problemi a mostrare in musica quanto gli piace: tutto, escluse le note che non servono a nessuno perché sono brutte e inutili. Dunque aspettatevi un viaggio che sfiora la world music, il jazz rock, certo ambient jazz, le linee melodiche incantate come sapeva scriverle Metheny anni fa, la ricerca che trovate nei dischi Ecm, la melodia “italiana”, il ricordo delle sferzate hard bop, e via citando. Per farlo, complice anche un periodo di forzata immobilità, solo matita e carta da musica in mano per ragionare e concepire i brani, Aldo Mella s’è messo attorno oltre quaranta musicisti amici, che, tutti assieme, sono un bel ripasso della creatività musicale italiana delle ultime stagioni, declinata nelle forme strumentali più varie: Roberto Cecchetto, Flavio Boltro, Fulvio Chiara, Giorgio Li Calzi, Antonio Faraò, Enzo Zirilli, DJ Rocca, tra gli altri. Benvenuti a bordo per un lungo e istruttivo viaggio. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
KEITH JARRETT - Munich 2016

L’inizio, un corrusco, magmatico affresco poliritmico in cui si agitano continui passaggi di tonalità, sino a rendere incerto e ambiguo l’intero blocco sonoro, potrebbe far pensare al Lennie Tristano gigantesco ed eroicamente solo delle ultime incisioni, dei tributi a Parker, della Discesa nel Maelstrom. E, in effetti, non è che il genio di origini italiane venga spesso ricordato come anticipatore del tocco dell’idiosincratico Jarrett. Qui però è manovra necessaria, almeno quanto il rammentare un dato storico di prima evidenza: ogni volta che Jarrett suona in “solo” in Germania per qualche misteriosa alchimia della sorte le cose sembrano funzionare al meglio. E’ successo anche in Italia, sia chiaro (ricordate i concerti di Milano e Venezia?), ma qui il dato è di concreta riconoscibilità. Col valore aggiunto di trovarsi a Monaco, nella città dove ha sede la Ecm di Manfred Eicher che se l’è sempre tenuto sotto l’ala.

Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
DAVE HOLLAND/ZAKIR HUSSAIN/CHRIS POTTER - Good Hope

È con il nome di Crosscurrents trio che Dave Holland, Zakir Hussain e Chris Potter nell’estate del 2018 hanno presentato la loro musica nel corso di una tournée che aveva toccato anche l’Italia. Succederà anche prossimamente, ma intanto esce questo disco in ci i nomi loro compaiono in bella vista ed è giusto così perché sarebbe davvero un peccato lasciarsi sfuggire questo ascolto. Si tratta di un vero e proprio supertrio con uno dei contrabbassisti più importanti della storia del jazz, una star mondiale delle tablas e un sassofonista che nei contesti in cui non è il l’esponente di punta, opinione ovviamente molto personale, riesce a dare il meglio di sé.

Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)

Il sassofonista Bill Evans, omonimo del grande pianista, è, notoriamente, cresciuto alla corte del Miles Davis elettrico anni ’80: il Dark Magus come sempre si sceglieva musicisti giovani e ancora acerbi, in modo da volaorizzarne appieno potenzialità e, lui stesso, cavarne il meglio per la propria musica. L’ha fatto con Scofield, con Miller, con Stern, e , appunto, con Evans, Come al solito vedeva lontano: e riascoltare dischi come We Want Miles conferma.  DA lì in avanti Bill Evans ha avuto una carriera tumultuosa e contraddittoria: dalla fusion al bluegrass, dall’Americana a progetti crossover totali. Non sempre a fuoco, perché, soprattutto in ambito ffusion, la tentazione del tecnicismo muscolare è sempre dietro l’ngolo. Qui però ritrovate la zampata del  “giovane leone” che scintillava note con Miles, al soprano e al tenore: registrazioni del 2011 con la possente  (ma flessuosa) WDR Big Band di Colonia, diretta da Michael Abene, e l’apporto prezioso di Etienne Mbappe al basso, oggi una figura fondamentale della scena jazzistica internazionale. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
BILL FRISELL - Harmony

Sono passati pochi mesi dall'uscita del bel live registrato insieme al contrabbassista Thomas Morgan per ECM ed ecco un nuovo progetto di Bill Frisell che segna il debutto del chitarrista per la prestigiosa Blue Note. Ciò nonostante "Harmony" più che un disco jazz andrebbe correttamente catalogato alla voce 'Americana', ove con questa si intenda quel genere musicale contemporaneo che trova le sue radici nella tradizione del roots rock e del country. Da lì arrivano "Hard Times" di Stephen Foster (composto a metà dell'Ottocento è stato ripreso un po' da tutti, Dylan compreso), il tradizionale "Red River Valley" (eseguito 'a cappella'), il brano di Pete Seeger "Where Have All The Flowers Gone".

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
89
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
77
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)