Jazz

Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)

Certi nomi finiscono nel dimenticatoio, e chi arriva dopo deve fare una gran fatica per rimettere a posto le cose nelle loro priorità estetiche e storiche: siamo in un’epoca che, come hanno scritto in un bel saggio Giuseppe De Rita e Antonio Galdo, è “prigioniera del presente”. Un eterno presente senza un prima e un dopo. Jack Teagarden detto “Big T” se lo ricordano in pochi, ed allora ecco una ristampa che può aiutare a rimettere le cose in prospettiva. Era un trombonista (e vocalist) eccellente, con quel suono teso e avvolgente che avevano i musicisti che suonavano a Chicago, ma con un quid di lirismo in più. Iniziò a incidere nel ’27, quando scomparve, nel ’64, era ancora in piena attività, dopo aver suonato con gente come Louis Armstrong (anche nei favolosi All Stars dei tardi anni Quaranta), Benny Goodman, Bix Beiderbecke. Questo cd raccoglie due dischi necessari, con due bonus tracks, This is Teagarden, del ’56, e Chicago and All That Jazz, 1961: al pianoforte c’è Lil Harding Armstrong, la musicista che fu moglie e mentore di Satchmo. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
JOSHUA REDMAN, Come What May

Dopo il bell’omaggio al padre Dewey di “Still Dreaming” del 2018, uno dei migliori dischi dell’annata trascorsa, Joshua Redman ritorna insieme ad Aaron Goldberg, Reuben Rogers e Gregory Hutchinson: "Sono fra i musicisti che preferisco al mondo. Abbiamo suonato così tanto nel corso degli anni e siamo stati insieme così tanto on the road ... per me, sono la situazione ideale per fare musica”. Ciò nonostante il gruppo, insieme da vent’anni, non incideva in quartetto dal 2001: Redman nel frattempo ha sperimentato nuovi contesti e collaborazioni non sempre con risultati indimenticabili (come nel disco sopra citato) frutto forse di uno sguardo spesso troppo compiacente all’approvazione del grande pubblico. “Come What May” viene ad assumere il significato di un ritorno alle origini, una rimpatriata tra vecchi amici in cui ci si sente perfettamente a proprio agio, liberi di esprimersi: la musica che ne consegue è esattamente così, ricca di energia come nel tempo dispari di “Circle of Life” o in “DGAF”, o estremamente rilassatacome nel brano che dà titolo all’album o nella conclusiva "Vast", sicuramente l’episodio più interessante con il suo crescendo ipnotico e al contempo avvolgente. Bentornato alle origini Mr Redman. (Danilo Di Termini)

Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
JAVIER GIROTTO TRIO - Tango nuevo revisited

Aveva dieci anni Javier Girotto quando, a Cordoba, si trovò tra le mani il vinile di Tango Nuevo, in copertina il grande baritonista statunitense Gerry Mulligan e il bandoneista Astor Piazzolla uno di fronte all’altro, a celebrare un incontro carico di implicazioni, per la storia delle musiche afroamericane distribuite su diversi rami dell’albero genealogico, com’è successo a jazz e tango. Il disco era del 1974, ed era stato inciso in studio a Milano, perché in quel periodo Piazzolla, notoriamente, viveva in Italia, dove il suo mantice di fuoco e intelligenza trovava spazio e libertà di azione. Quel disco viene ora ripercorso per intero (con qualche nuovo innesto, scelta coraggiosa) da Javier Girotto, il sassofonista e flautista argentino che in Italia è dal 1990, dove ha dato vita a innumerevoli progetti jazzistici, uno su tutti il formidabile quartetto Aires Tango. Dunque l’uomo giusto per affrontare il “nuovo tango” (uscito anche col titolo “Summit”) di Piazzolla e Mulligan, mettendo in conto il pianoforte di Alessandro Gwis dagli Aires, e il delicato ruolo di Piazzolla rilevato dal bandoneon di Gianni Iorio, già abituato a duettare con Girotto. Tra i massimi esperti del genere nella Penisola.  Impeccabili le esecuzioni, precisando anche che l’imponenza del suono di Girotto, spesso di urticante forza espressionistica, è cosa assai diversa dal “colore” più tenue di Mulligan. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
BRANFORD MARSALIS - The Secret Between the Shadow and the Soul

Dopo il non entusiasmante disco con il cantante Kurt Ellling, Branford Marsalis torna alla classica formazione del quartetto con il contrabbasso di Eric Revis, la batteria di Justin Faulkner (che ha sostituito Jeff "Tain" Watts nel 2009) e il pianoforte del bravissimo Joey Calderazzo. A suo agio sia insieme a Sting che con un'orchestra classica, il più anziano dei fratelli Marsalis ha ormai trovato una sua cifra stilistica originale.

Valutazione Autore
 
83
Valutazione Utenti
 
0 (0)

Immaginate un disco che riesce a riportare alla memoria la tempesta  intelligente dei Weather Report, l’acume visionario della Mahavishnu Orchestra di John McLaughlin, le burrasche scatenate sui palchi dagli Area, dunque tutto ambito eclettico jazz rock, provate a unire al tutto il ricordo della imprevedibilità guizzante dei temi di Ornette Coleman, e avrete buoni indizi per mettervi sulle piste di Rosa Brunello. Contrabbassista e compositrice, Brunello è al suo terzo lavoro solistico con i suoi “Fermentos”: fermenti  vivi davvero, nelle persone di Michele Polga la sax, Frank Martino alle chitarre, Luca Colussi alla batteria, più abbondanti dosi di elettronica applicata ai guizzi già piuttosto palpitanti della musica da tutti i componenti. Un gran disco, che si ascolta con partecipato stupore dall’inizio alla fine, e che potrebbe piacere anche a chi frequenta raffinate sponde art rock. La riconferma che Rosa Brunello non è solo uno degli astri nascenti della scena jazz più audace in Italia: il termine di riferimento è, almeno, l’Europa. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
JOACHIM KUHN - Melodic Ornette Coleman: Piano Works XIII

Joachim Kühn è uno dei pochi pianisti ad aver avuto l’onore di condividere il palco con Ornette Coleman, notoriamente poco avvezzo alla frequentazione dello strumento: il disco in duo registrato a Dresda nel 1996 – purtroppo fuori catalogo – resta uno dei migliori del sassofonista scomparso quasi quattro anni fa. Questo omaggio, oltre che riportare l’attenzione su uno dei più grandi interpreti del jazz contemporaneo, ha anche il merito di svelare un repertorio inedito: infatti al di là delle due versioni di “Lonely Woman” (da “The Shape of Jazz to Come” del 1959) che aprono e chiudono il disco, gli altri undici brani presenti, pur essendo tutti a firma di Coleman, non appaiono in alcun album ufficiale.

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
78
Valutazione Utenti
 
0 (0)