Jazz

Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
THELONIOUS MONK - Les Laisons Dangereuses 1960

Una sorpresa in jazz speculare. Più  o meno a ridosso del ritrovamento dei nastri con le session inedite di Bill Evans, ecco un altro ritrovamento “carsico” di un altro pianista fondamentale per la storia del jazz e della musica tutta. Speculare perché le estetiche musicali che governavano le dita sugli ottantotto tasti di Evans e di Monk non potrebbero essere più distanti: il raffinatissimo scavo armonico dell’uno sulla griglia consolidata degli standard, le composizioni originali sghembe dell'altro, affrontate con un piglio ritmico e astute dissonanze strategiche. Veniamo al punto: questo doppio cd raccoglie il meglio delle tre ore di sessions che Monk con il suo gruppo rafforzato dal giovane sassofonista Barney Wilen incise a New York per essere utilizzate dal regista Roger Vadim. Il regista aveva appena terminato di girare Les Laisons dangereuses, era ancora fresca in Francia la memoria della magnifica colonna sonora jazz di Miles Davis incisa per “Ascensore per il patibolo”. Monk era all’apice del suo fulgore creativo, anche se era fresca la memoria dell’agguato razzista di un gruppo di poliziotti, che lo avevano fermato con Charlie Rouse nella Bentley della baronessa Nica. Gran scandalo: una nobildonna inglese e due neri. Si respira una misteriosa felicità in questa stupefacente seduta, Monk recupera addirittura un giubilante gospel che suonava negli anni Trenta, By and By, e ci apre il laboratorio di costruzione di uno dei suoi pezzi più misteriosi, Light Blue, in quattordici minuti di indagine serata. Un capolavoro ritrovato. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
MILES DAVIS - Tokyo 1973

Nel 1973 Miles Davis s'era lasciato alle spalle, dopo la bruciante svolta di Bitches Brew, almeno due altri capitoli elettrici dirompenti, Live-Evil del '71 e On the Corner del '72. Dopo, aveva preso a girare il mondo per lungo e per largo, proponendo la sua musica che, alla critica imparruccata, sembrava poco più che un caos informe e rumoroso, quando non una svendita a un non meglio identificato “rock commerciale” che esisteva solo nelle teste di chi continuava a sognare l'angelo elegante dell'hard bop. Invece qui Miles era un demonio stregante e con le idee chiare: spingere il suono elettrico, ripetitivo e infiltrato del “funk” più acido e corrosivo mai ascoltato a un punto di non ritorno. In pratica la band di James Brown risvegliatasi su Marte. Sul pubblico arrivava una sferza sonora tanto ammaliante quanto poco rassicurante: era parte del gioco. In questa sera in un auditorium di Tokyo dell'ottobre '73 Miles ha accanto il sax di Dave Liebman, le due chitarre di Pete Cosey e Reggie Lucas, la batteria di Al Foster, il basso elettrico monumentale di Michael Henderson, le percussioni di Mtume Forman. Lui suona come un gatto minaccioso a cui abbiate appena pestato la coda per spregio, e che si sta avvicinando per farvelo capire. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
 GIORGIO ALBANESE - Vento di maestrale

Ma chi l’ha detto che i grandi dischi escono solo per grandi etichette? Certo, lì c’è la garanzia di una qualche residua promozione, c’è il nome prestigioso che alletta e una storia di fasti passati. Ma nel pulviscolo molecolare cui è ridotto il mercato delle note di qualità, a volte è meglio andare a caccia di buona musica anche tra le autoproduzioni. Ad esempio: tutti gli addetti ai lavori sanno che nell’ultimo ventennio la Puglia ha offerto grande musica:   nel rock, nelle note che si rifanno a patrimoni folclorici, e anche e soprattutto nel jazz, dove operano decine di musicisti eccellenti. Uno di questi è Giorgio Albanese, fisarmonicista e compositore che non  rientra in alcun cliché comunemente applicabile ai professionisti del mantice: ha suonato ogni genere di musica, scrive brani che possono suonare lirici e dirompenti  al contempo, non ha il complesso della velocità pirotecnica, non gli interessa infiocchettare ogni fraseggio con svolazzi inutili. E’ tutto sostanza. Qui, in Vento di Maestrale troverete l’eco meditata di mille musiche. In azione a volte c’è un quintetto stellare, con Gianni Lenoci, Pippo D’Ambrosio, Danilo Gallo, e Steve Potts, uno dei migliori specialisti di sax soprano al mondo, e a volte il fondale di una duttilissima orchestra. Un incanto senza etichette. (Guido Festinese)

Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
DAVE LIEBMAN / JOE LOVANO - Compassion: The Music of John Coltrane

Il 17 luglio 1967 moriva John Coltrane, uno di quei rari musicisti che per concezione, sviluppo e tecnica musicale, nel corso della loro carriera hanno concretamente trasformato la storia del jazz. Nel quarantennale della scomparsa, la BBC, la società concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo inglese (giusto per dire di che cosa dovrebbe e potrebbe anche occuparsi un servizio pubblico), commissionava a Dave Liebman e Joe Lovano un tributo al sassofonista di Hamlet. Oggi quel concerto, grazie alla sempre più benemerita Resonance (la stessa etichetta che nel 2014 ha dato alla luce un inedito di Coltrane del 1966, “Offering: Live at Temple University”) è disponibile in cd: i due leader per l’occasione avevano pensato ad un repertorio che testimoniasse di tutti e tre i periodi in cui si suole dividere la storia musicale di Coltrane. Dal primo - quello che alterna le produzioni da solista per la Prestige alla fondamentale presenza nel celeberrimo quintetto di Miles Davis - proviene “Locomotion”, originariamente apparsa in “Blue Train” (peraltro l’unica incisione Blue Note di ‘Trane’); dal secondo - quello dei dischi Atlantic - “Central Park West”, “Equinox” ed “Olé”; dall’ultimo - l’epopea Impulse - “Dear Lord” e “Reverend King”. I musicisti coinvolti - in pratica il gruppo Saxophone Summit, con il contrabbasso di Ron McClure in sostituzione dell’indisponibile all’epoca Cecil McBee, il pianoforte di Phil Markowitz e la batteria di Billy Hart - garantiscono che non si tratta di pura archeologia musicale, bensì attenta e profonda rilettura, necessaria riproposizione d’idee dalle quali ripartire per affrontare il complesso nodo della contemporaneità jazzistica. Liebman e Lovano alternano il tenore al soprano e al flauto il primo, al clarinetto e allo Scottish flute il secondo, assecondati da una ritmica di livello davvero stellare. Se è vero come afferma Billy Hart nelle ricchissime note di copertina che “Il mondo è un posto migliore quando si ascolta la musica di Coltrane" non c’è un minuto da perdere. (Danilo Di Termini)

Saxophone Summit in concerto al Gezmataz Festival giovedì 20 Piazza delle Feste, Porto Antico di Genova – ore 21.30

Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
 JACO PASTORIUS - Truth, Liberty & Soul

A voler proprio esser pignoli, esistevano già testimonianze dell'incredibile Word of Mouth orchestra diretta da Jaco Pastorius nell'82: ad esempio il Live At Budokan, con repertorio pressoché identico a molte delle tracce di questo nuovo prezioso reperto. Il punto è proprio questo, però: uno può anche ascoltarsi l'integrale delle registrazioni di un tour, poi inevitabilmente si casca su una serata speciale baciata dalla dea dell'ispirazione, della voglia di suonare, di regalare emozioni. Ed allora “quella” sera diventa la sera speciale, magica. Ora la abbiamo, anche per l'immenso Jaco Pastorius.

Valutazione Autore
 
82
Valutazione Utenti
 
0 (0)
CHANO DOMÍNGUEZ & WDR BIG  - Soleando

La WDR orchestra di Colonia matura, lavoro dopo lavoro, una sorta di eccellenza assoluta per quanto riguarda i progetti assieme ai jazzisti. Ha in formazione gente capace di trovarsi a proprio agio con qulasiasi musicista e qualsiasi partitura: ad esempio negli ultimi tempi li abbiamo ascoltati assieme agli Steps Ahead, ed ora con meraviglia e gratitudine ascoltiamo questo Soleando, in cui l'acrobatico, guizzante gruppo di flamenco jazz diretto dal pianista Chano Domínguez, con tanto di “cantaor” nervoso, tutto sussulti sulle compressioni del “canto profondo” interagisce con l'orchestra come un tutt'uno. Una gioia per le orecchie, a patto che vi siano familiari le alte temperature emotive delle note di Paco De Lucia, di Corea e, appunto, Domíngujez, forse il jazzista che meglio ha saputo sfruttare i ponti possibili tra note afroamericane e terra d'Iberia. (Guido Festinese)

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
86
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
75
Valutazione Utenti
 
0 (0)