Stampa
PDF
 
Jazz Recensioni ALESSANDRO TEDESCO / LOW FREQUENCY QUARTET - Argonauta
 

ALESSANDRO TEDESCO / LOW FREQUENCY QUARTET - Argonauta ALESSANDRO TEDESCO / LOW FREQUENCY QUARTET - Argonauta Hot

ALESSANDRO TEDESCO / LOW FREQUENCY QUARTET - Argonauta

Dettagli

Titolo
Argonauta
Anno
Casa discografica
Trombonista raffinato e coraggioso questo giovane Alessandro Tedesco, profondo conoscitore del linguaggio jazzistico sul proprio strumento, a partire dalla lezione di grandi maestri del passato come J.J. Johnson e Curtis Fuller, esponenti di quella sofisticata scuola trombonistica che prediligeva la ricerca di un elaborato fraseggio piuttosto che di un suono ruggente. Qui lo troviamo alla guida del suo quartetto "a bassa frequenza", manipolo di scapicollati sperimentatori campani, completato dal chitarrista tardo o neo prog Giovanni Francesca e dagli eclettici Davide Costagliola al basso e Stefano Costanzo alla batteria. Tutti quanti salpati su un'ideale antica trireme, come suggerisce la simpatica copertina del cd, alle prese con un vero e proprio viaggio sonoro da intraprendere e nel tempo disvelare. Un itinerario, un percorso musicale imprevedibile, degno di quella mitica impresa argonautica, cui il titolo del progetto fa orgoglioso e autoironico riferimento. Un gruppetto di smaliziati jazzisti, capace di svariare con naturalezza e repentinità dalle acustiche classicità del più canonico o più avanguardistico linguaggio jazzistico ad inaspettate e suggestive atmosfere roccheggianti fino ad uno straniante e pertinente utilizzo dell'elettronica. Come mettere insieme Curtis Fuller, i Camel, Lester Bowie, i Radiohead dell'androide paranoide, pillole di funky metafisico, e parecchio altro ancora ovviamente. Molta densità, quindi, tante influenze e contaminazioni alla ricerca di un rinnovato idioma jazzistico in grado di tracciare ulteriori vie e strade da percorrere. Il tutto però dispensato con un'eccezionale leggerezza, con quella dose di incosciente allegria o ricercata spensieratezza tipica delle anime partenopee. Un ottimo disco - sostanzialmente costituito da interessanti composizioni dello stesso Tedesco - edito da questa giovane etichetta del nostro troppo bistrattato sud, stretta emanazione del Pomigliano Jazz Festival e della sua ardimentosa filosfia, tesa all'abbattimento degli steccati in musica. Un documento sonoro intelligente e davvero divertente, espressione di un'antica civiltà che sa guardare al futuro. (Marco Maiocco)

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Giudizio complessivo 
 
100  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
ALESSANDRO TEDESCO / LOW FREQUENCY QUARTET - Argonauta 2011-07-12 09:22:01 giusy
Giudizio complessivo 
 
100
Opinione inserita da giusy    12 Luglio, 2011

Gran bella recensione, davvero. E questo disco la merita.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Powered by JReviews

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
78
Valutazione Utenti
 
0 (0)