Stampa
PDF
 
Jazz Recensioni CHARLIE HADEN & BRAD MEHLDAU - Long Ago and Far Away
 

CHARLIE HADEN & BRAD MEHLDAU - Long Ago and Far Away CHARLIE HADEN & BRAD MEHLDAU - Long Ago and Far Away

CHARLIE HADEN & BRAD MEHLDAU - Long Ago and Far Away

Dettagli

Titolo
Long Ago and Far Away
Anno
Casa discografica

Ricorda Ruth Cameron, la moglie di Charlie Haden, che il primo incontro tra il marito e Brad Mehldau avvenne nel 1993, quando, ad un festival in attesa del sound-check, si fermarono ad ascoltarlo mentre suonava nel quartetto di Joshua Redman, individuandolo immediatamente come un musicista fuori dal comune. Qualche anno dopo Haden portò Mehldau a Los Angeles invitandolo a unirsi a lui e a Lee Konitz per due dischi, “Alone Together” del 1996 e “Another Shade of Blue” del 1997 (un terzo, con l’aggiunta di Paul Motian, “Live at Birdland”, arriverà nel 2009), iniziando così una collaborazione che li porterà ad esibirsi dal vivo in duo per la prima volta all’Enjoy Jazz Festival di Mannheim nel 2007. Questo disco, che prende il titolo da una canzone, scritta da Jerome Kern e Ira Gershwin, è la testimonianza di quell’evento, di un incontro tra musicisti di due generazioni molto distanti tra loro (ricordiamo che Haden ha partecipato con Ornette Coleman e Don Cherry a una delle formazioni più innovative della storia del jazz e ha guidato la leggendaria Liberation Music Orchestra così come il Quartet West, un gruppo che faceva della rilettura del passato il fulcro del proprio progetto musicale). Il terreno comune non poteva che essere quello degli standard, dalla parkeriana “Au Privave” (con un’esitazione nel finale che evidenzia quanta ‘improvvisazione’ ci fosse nella loro esibizione) a “My Old Flame”. Al centro del concerto i quindici minuti del brano che dà il titolo al disco: da quel momento il duo spicca il volo con “My Love and I” (già incisa da Haden in duo con Gonzalo Rubalcaba nel sempre postumo “Tokyo Adagio”) e “Everything Happens to Me”, esecuzioni esemplari nella leggerezza dello stile di Haden e con Mehldau che sembra citare Kenny Barron (altro sodale di Haden in duo, nell’imperdibile “Night And The City”) nel fraseggio che chiude un disco davvero eccellente. (Danilo Di Termini)

 

 

opinioni autore

 
CHARLIE HADEN & BRAD MEHLDAU - Long Ago and Far Away 2018-11-03 14:08:30 Danilo Di Termini
Giudizio complessivo 
 
80
Danilo Di Termini Opinione inserita da Danilo Di Termini    03 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
Powered by JReviews

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
98
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
92
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
88
Valutazione Utenti
 
95 (1)
6.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
50
Valutazione Utenti
 
0 (0)