Stampa
PDF
 
Rock Recensioni EELS - The Deconstruction
 

EELS - The Deconstruction EELS - The Deconstruction

EELS - The Deconstruction

Dettagli

Artista
Titolo
The Deconstruction
Anno
Casa discografica
Durata
42.18

La decostruzione di Mark Everett, in realtà, è una strada  che il leader degli Eels ha percorso per tutta la carriera; dietro la produzione musicale di Everett c’è sempre stata una sofferenza pesante causata da improvvisi o drammatici lutti familiari. In certi dischi ce n’è di più come nel peraltro indispensabile Electro-Shock Blues, un capolavoro che risale, ahimè, a ben vent’anni fa… Anche in The Deconstrution, che esce a quattro anni dal precedente lavoro, c’è molto del rimuginare sulle perdite, dell’interrogarsi sul senso della vita; la dimensione prettamente acustica trasforma le canzoni in piccoli bozzetti, scenette di vita con qualche pretesa filosofica di troppo, ma confortate da  una buona vena in termini di melodie e arrangiamenti. Certo mancano, tranne che nel singolo Bone Dry, momenti ritmicamente più vivaci e coinvolgenti, ma evidente Mr E. non era dell’umore giusto.(Fausto Meirana)

Image Gallery

EELS - The Deconstruction

opinioni autore

 
EELS - The Deconstruction 2018-04-11 14:19:34 Fausto Meirana
Giudizio complessivo 
 
80
Fausto Meirana Opinione inserita da Fausto Meirana    11 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Giudizio complessivo 
 
65  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
EELS - The Deconstruction 2018-11-25 13:10:08 Alberto Brozzo
Giudizio complessivo 
 
65
Opinione inserita da Alberto Brozzo    25 Novembre, 2018

paternità e creatività

Sono un fan degli Eels e conosco tutta la discografia; concordo con la recensione, sembra quasi che dopo tanti lutti la recente paternità abbia un po' (felicemente) distratto il nostro. Rispetto ai precedenti qui sembra che E abbia fatto il minimo sindacale, fatta eccezione solo per alcuni pezzi (Bone Dry appunto e you are the shining light tra tutti).
Io arrivo a pensare che dopo il precedente "Cautonary Tales" lui avesse in mente altri progetti fuori dalla musica, avendo detto ormai tutto quello che poteva dire e in questo album manca la "sorpresa"; le sonorità non sono nuove sembrano un misto di album precedenti ma appunto non sorprendono.
D'altra parte, conoscendo bene il personaggio, credo che sia ancora capace di sorpendere, non so come e se lo sapessimo non sarebbe una sorpresa.
Intanto buona paternità E l'album l'ho comprato lo stesso in vinile anche per la bellissima grafica.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Powered by JReviews

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
91
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
85
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
65
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
50
Valutazione Utenti
 
0 (0)