Stampa
PDF
 
Rock Recensioni NEIL YOUNG - Homegrown
 

NEIL YOUNG - Homegrown NEIL YOUNG - Homegrown

Dettagli

Artista
Titolo
Homegrown
Anno
Casa discografica

youngL'uno, Dylan, ci ha fatto penare una bella smazzata d'anni prima di abbandonare il tardivo furore da crooner non a tutti gradito ( bastano e avanzano i neoswingers, a proposito), e decidersi a far uscire un disco degno di cotanto mercuriale nome. Nel frattempo, per fortuna , ha continuato ad aprire ad intermittenze sconosciute a noi mortali i suoi archivi fluviali, ricordandoci che passare attraverso i decenni significa anche lasciare molto di sparso, nei decenni stessi. L'altro, Neil Young, sembra aver ereditato dal nome una dote che per Dylan (il cantante) è quasi scomparsa: la voce eternamente giovane. Dylan ha in gola uno scheletro crepitante di suoni senza più armonici, l'altro quando accarezza i suoi inconfondibili profili melodici sembra puro sciroppo d'acero canadese, tutt'ora. Anche Neil Young è passato per i decenni, e se l'uno è sbandato per lidi sinatriani, l'altro a suo tempo si innamorò di vacui suoni computerizzati e soul music senza cavarne granché.

 

Passare per i decenni significa archivi, però, si diceva: e dall'archivio senza fondo di Neil Young ecco apparire Homegrown, disco perduto che va collocarsi tra On the Beach e Tonight's the Night. Fine '74, inizio '75 le incisioni. Circa metà dei brani gli younghiani di ferro li conoscono bene. Il resto è tutt'altro che scarto e accademia. Ad esempio la title track, uno di quei brani gonfi e vagamente ironici che quando li scrive Young vanno sempre a bersaglio, o perfino il bluesaccio da jam We Don't Smoke it No More ( ma tono e clima sembrano dire esattamente il contrario). White Line è una pennellato di saggia melassa, Little Wing dolcezza su dolcezza, Florida una scombiccherata narrazione con tanto di bicchieri da vino percorsi coi polpastrelli. Qua e là a dare una mano Robbie Robertson e Levon Helm della Band, a proposito di specularità con Dylan, e la fata gentile Emmilou Harris. Il viaggio perduto, va da sé, vale tutto il prezzo del biglietto. (Guido Festinese)

opinioni autore

 
NEIL YOUNG - Homegrown 2020-06-26 15:33:17 Guido Festinese
Giudizio complessivo 
 
87
Guido Festinese Opinione inserita da Guido Festinese    26 Giugno, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Giudizio complessivo*
Commenti
    Per favore inserisci il codice di sicurezza.
 
 
Powered by JReviews

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
89
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
79
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
78
Valutazione Utenti
 
0 (0)