Il Diario di Disco Club

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 5 agosto
Come ogni anno ad agosto ecco il tormentone estivo. Non è una canzone tipo Vamos a la playa del 1983, no, è una domanda. Eccola nella forma telefonica odierna. Telefono, "Discooocluuuub", "Scusi vorrei avere un'informazione", "Dica", "Quando chiudete per ferie?". Eccola la domanda. La risposta è la solita, "L'ultima volta che abbiamo chiuso per ferie è agosto MILLENOVECENTOSETTANTADUEEE. Quarantaquattro anni fa". Oggi mi è toccato ripetermi una decina di volte, quindi ve lo confermo: anche quest'anno Disco Club non va in ferie, soltanto per tutto il mese di agosto è sospeso l'orario continuato. E domani non fate gli spiritosi e non presentatevi di persona, al telefono o via internet, a chiedermi "Quando chiudete per ferie?".
Passiamo alle richieste odierne più serie.
Prima. "Scusa, se porto un disco posso scambiarlo con un altro?". Secondo voi cosa ho risposto?
Seconda. Anziano, "Avete cd di operette? Sa, avevo la raccolta completa della Fabbri, ma ho rovinato Cin Ci La e non lo trovo in nessun negozio".
Terza. Giovanissima ragazza, "Avete quei cd che ci si mette dentro le canzoni per poi sentirle in macchina?".
Quarta. Uomo al telefono, "Avete musica ecuadoregna?". No, ma effettivamente, visto l'aumento esponenziale di questa popolazione a Genova, potrebbe essere un'idea. Da domani lancerò Dario alla ricerca di nuovi talenti ecuadoriani.
Quinto e ultimo. In chiusura, alle 18:59, squilla ancora una volta il telefono; "Discoooocluuuub", "Sono io, quello che è passato prima a comprare", probabilmente tutti gli altri erano venuti soltanto per conoscere di persona il Maratoneta. Continua, "Ma chiudi e non me lo hai detto?", "Scusa, io non lo sapevo, chi te l'ha detto?", "C'è scritto su Google: sta chiudendo ora", "Infatti, tra un minuto chiudo".

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 27 luglio
Tutto è relativo. Ci Sta incontra in negozio il Maratoneta, lo indica e rivolto a me fa il caratteristico segno dell'indice sulla tempia ad indicare "Questo è matto", accompagnandolo da un commento "Fra qualche anno sarò ridotto così anch'io", lo rassicuro "Con i progressi che fai potrebbe bastare qualche mese". Il Maratoneta s'imbatte in Ottavio che conciona come al solito sui massimi sistemi a velocità folle. Il Maratoneta non riesce a stargli dietro e quando quello se ne va, mi dice "E' matto matto" (non è un rafforzativo, lui raddoppia quasi sempre l'ultima parola di una frase). Ecco Ottavio alle prese con Ivano, interrompe i suoi soliloqui, perché l'altro lo batte in quanto a belinate che spara. Abbandona il campo e uscendo mi lancia un'occhiata significativa "Questo è matto". Ivano rimane padrone della scena, ma da fuori si sente un urlo "Uegiaaaa", è lo psichiatrico che ce l'ha con me, perché non gli faccio sentire i dischi. Eccolo, si affaccia sulla porta, "Ciao Uegia, tu non mi fai sentire i dischi e io li compro da un'altra parte" e se ne va all'urlo di "Uegia" ripetuto fino in fondo ai portici. Ivano, spaventato, si era nascosto in fondo al negozio, quando non c'è più pericolo, si riavvicina e conclude con "Ma quello è matto".

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 23 luglio
Maratoneta sempre protagonista. Oggi è alla ricerca di un cd da comprare, chiede consiglio, gli faccio vedere un po' di caselle, quando arrivo a Crosby, Stills, Nash & Young mi sorprende dicendo che non ha niente. "Niente? Nemmeno Déjà Vu?", "No, è del 1970", "Embé?"; glissa, mi ricordo della sua abitudine di dedicare l'ascolto di un disco a una ragazza, "Ah ho capito, una ragazza del 1970 è troppo vecchia", "No, del 1970 ne conosco una, ma è antipatica", ovviamente, anche se antipatica, l'ha fotografata e me la mostra: tipica ragazza che, se fosse stata simpatica, avremmo detto 'Sì, però è simpatica'. Invece no, così Maurizio non può comprare il disco di CSN&Y., "Però..." dice, "Però?", "Una mia amica è del 1971", "E allora? Ti compri 4 Way Street che è del '71?", " No no, è dal vivo vivo", poi precisa con aria astuta, "Lei ha una sorella che è del 1970, se me la presenta ed è simpatica, zac è fatta, compro Déjà Vu". Oggi cerca un cd del 1982 da dedicare a Betta; prova a sentire sul suo smartphone Nebraska di Springsteen, ma "E' noioso noioso, bisogna sentirlo quando fa freddo a New York, -30", insomma un disco invernale da sentire a letto ben coperti; di Springsteen a lui piace un altro disco, "Questo questo è bello e non fa dormire, Human Touch", "Ma fa schifo, cosa dici, poi è del 1992", non lo colgo impreparato, "Conosco anche una del '92, simpatica simpatica". Mi perseguita fino quasi alla chiusura, poi mi porta alla cassa un espositore, "Compro questo". Quale? Nebraska, più della noia di Springsteen ha potuto la simpatia di Betta.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 22 luglio
In questo periodo stiamo facendo un po' di prevendite dei concerti genovesi. Il problema è che sono aumentate in maniera esponenziale le telefonate (già normalmente troppe).
Telefono, "Discoooocluuuub", ovviamente anche le o e le u sono aumentate, signora, "Scusi si possono affittare da voi i biglietti per la Notte dei Tributi del 26?"; affittare? Boh, lasciamo perdere, "Nooo", ma lei, "Nemmeno via internet?".
Telefono, "Discooooooocluuuuuub", altra signora, "Sono sull'autobus che vado al mare, ho visto che voi vendete i biglietti dei Beatles in Classic, ne avete ancora?", "Sì, solo sette, ma domani me li riportano", "Me ne può tenere quattro?", "No", "Ma le do il nome e vengo domani", "No, deve venire di persona", lei, scandalizzata, "Ma io sto andando al mare!!!", "E io sono in negoziooo". Posa, ma dopo due minuti di nuovo il telefono, "Discoooooooocluuuuuuuuuub", "Sono di nuovo io (la signora bagnina), se telefono a mio marito, può comprare i biglietti via internet?", "No" (i miei dialoghi con lei non sono molto costruttivi, finiscono sempre con un mio no), lei, sempre più scandalizzata, "Perché no? Io ho comprato su internet persino i biglietti di Zucchero", "Che strano è, Zucchero c'è e i Reunion no". Lei vorrebbe insultarmi, ma in questa competizione siamo pari: anch'io vorrei insultarla. Finisce così un dialogo senza sbocco.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 20 luglio
Dramma sfiorato per il Maratoneta. Quando arriva, ancora sulla porta, ci dice. "E' andata bene bene", non capiamo e lui, "Ieri, vedi lo zaino, questa cerniera aperta aperta. Il portafoglio rubato rubato. Ho fatto una corsa dai carabinieri (nessuna fatica per un maratoneta) carabinieri per fare la denuncia. Loro mi hanno detto di guardare nei giardini giardini di Brignole. Sono andato, ho cercato bene e..." si ferma e tira fuori giulivo il portafoglio "...eccolo! L'ho trovato trovato", io, "Sì, ma ti avranno fregato i soldi". Eccolo lanciarsi in un gesto che gli procura sempre molta gioia, braccio destro interrotto all'altezza del gomito dalla mano sinistra, "Tiè, non c'era niente. Li avevo dati tutti a te". E' vero mi aveva dato un euro e settantacinque centesimi, "Quindi devi ringraziarmi, se no te li fregavano", "Sì, sì, anzi tieni tieni" e mi passa sessantacinque centesimi, non si sa mai.
Telefono. "Discooocluuuub", ragazza, "Le telefono per conto della nostra associazione. Noi organizziamo eventi e cerchiamo sponsor", vorrei bloccarla già di partenza, sono allergico alla parola 'sponsor', ma lei è lanciata, "Adesso stiamo organizzando un concerto di Albano", mi sfugge un gemito, lei si blocca e io ne approfitto, "Non ci interessa" e poso di corsa, prima che mi proponga anche Pupo.
Telefono. "Discoooocluuuub", "Senta, quelli di Feltrinelli (grazie ragazzi) mi hanno detto che lei può aiutarmi, sto cercando musica per la respirazione olotropica", "Olo, che?", "Tropica", "Mi spiace non teniamo musica per nessun tipo di respirazione".
Coppia non troppo giovane, anche loro mandati da Feltrinelli (di nuovo grazie ragazzi), lui è già timoroso di partenza e attacca con "Siamo di nuovo qui a rompere le scatole. Già due volte le abbiamo chiesto se ha cd di Al Ventura, sa come si scrive? Ventura e il nome Al, anche se si legge Il". Questa non la sapevo, interessante, quindi anche Al Capone si leggeva Il Capone? Lo deludo anche questa volta, potrei dirgli che forse sbaglia nome, Ventura, il sassofonista, si chiamava Gil. Belin, ripensandoci, ecco perché lui pensava che si leggesse Il, perché in realtà si chiamava Gil. Che casino. Se torna, lo mando dai ragazzi di Feltrinelli a cercare qualche cd di Ventura Gal, che si legge Gil.

Valutazione Autore
 
0.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Diario del 18 giugno
Telefono, "Discooocluuuub", femmina "Ciao, hai il nuovo dei Red Hot?", "Certo", "Vengo a prenderlo stasera alle 7:30", "Non ci sono, alle 7 in punto chiudo", "Dove ti trovo?", "Nello stesso posto dove sono da 50 anni e, domani, 6 mesi", "Ahahah, io non ci sono mai venuta". Belin, da come parlava credevo fosse una mia amica.
Maurizio, mio vecchio cliente un po' flippato, compra Spectrum di Billy Cobham e commenta "Grandissimo, il suo bassista fa cose turche"; poi mi chiede un McCoy Tyner, non si trova e lui "Peccato, il suo bassista fa cose turche". Dal che ho dedotto che in Turchia ci deve essere una grande scuola di bassisti.
Telefono, "Discoocluub", un fastidioso bip bip bip, poi una voce, "Hai l'ultimo cd di Locasciulli", bip bip bip, "Ci guardo", bip bip bip, "Sì, c'è", bip bip bip, "Bene, me lo tieni?", bip bip bip, "Scusa, ma da dove telefoni? Sei su un sommergibile?", bip bip bip, "No, sono in macchina, ma non ho voglia di mettermi le cinture di sicurezza", bip bip bip.
Telefono ancora, le o e le u incominciano ad aumentare, "Discooocluuuub", "Ciao, sono Tiziano", eccolo tornato il fan veronese degli Europe, era un po' che non si sentiva e infatti mi chiede, "Scusa, sono un po' rimbambito (lo avevo capito), non mi ricordo più come ti chiami", "Giancarlo", "Ah giusto (effettivamente ho indovinato), avevo riconosciuto la tua voce sempre dolce e gentile (ahi ahi ahi, ogni giorno duri colpi per la mia fama di cattivo). Senti, ho visto qui all'Arena il concerto dei Duran Duran, bravissimi", s'interrompe e si rivolge alla mamma, "Mamma non urlare, vai in un'altra stanza, sto parlando col mio amico dei dischi di Genova e non mi fai capire niente. HAI CAPITO? VAI VIA", lui sì che è un vero duro, ricomincia, "Senti Giancarlo, se mi trovi il cd dei Duran 'Wedding Present', mi avvisi? Telefonami, ma mi raccomando sempre a quest'ora, alle 17:30". Chissà se alle 17:31 mi risponderà.
Ultima telefonata, "Discoooooocluuuuuuub", "Ciao sono Gino, questa mattina ho comprato il vinile di Clapton, ma dimmi va a 33 o a 45 giri?", "Perché scusa?", "Guarda, la musica può anche andare, ma la voce è troppo roca", "Sì, ma sopra il disco cosa c'è scritto?", "45". Va bene che Clapton è slowhand, ma se lo sente a 33 è troppo slow e la voce diventa tipo Mario Biondi.

Top ten del mese

1.
Valutazione Autore
 
95
Valutazione Utenti
 
0 (0)
2.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
3.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
4.
Valutazione Autore
 
90
Valutazione Utenti
 
0 (0)
5.
Valutazione Autore
 
87
Valutazione Utenti
 
0 (0)
6.
Valutazione Autore
 
84
Valutazione Utenti
 
0 (0)
7.
Valutazione Autore
 
80
Valutazione Utenti
 
0 (0)
8.
Valutazione Autore
 
78
Valutazione Utenti
 
0 (0)
9.
Valutazione Autore
 
77
Valutazione Utenti
 
0 (0)